Atemporalità e storia dell’immagine

mostra di pittura e scultura dal 5 al 31 dicembre 2009

espongono: Alessia Zolfo, Discepolo Girardi, Marta Bettega, Rossello Damiano, Sevil Amini

a cura di Giovanna Arancio

Per figurazione  si torna a parlare in senso stretto di un rimando alla fisicità,  per quanto trasfigurata e “ricreata”. Gli attuali materiali e le tecniche utilizzate sono molteplici e innovativi ma tutti segnati da un profondo debito ora verso la tradizione ora,  in particolare, verso i linguaggi stilistici novecenteschi.

La figura che si manifesta ha quindi i tratti caratteristici della  contemporaneità, radicata su un sostrato profondo, e ripropone prepotentemente anche il corpo umano, come se troppo a lungo esso fosse stato compresso.

E’un’immagine  sia atemporale, fuori dal tempo, in quanto portatrice di una ricerca universale di senso, e  sia storica perché capace di offrire la singolarità dell’analisi odierna.

Share and Enjoy:
  • StumbleUpon
  • del.icio.us
  • Facebook
  • Twitter
  • Google Bookmarks

Lascia una risposta